Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all‘uso dei cookie.

TESSERE

Tessere contactless, radiofrequenza

Sono le tessere di ultima generazione con antenne sottilissime all’interno delle tessere, sono riconosciute a distanza da appositi radioricevitori.

Le tessere con rfid possono essere ad alta o bassa frequenza; si tratta di trasponder passivi, privi di carica elettrica, sollecitati al passaggio davanti al lettore magnetico. Il lettore emette un segnale radio che attiva il microchip e fornisce l’energia necessaria a rispondere con le informazioni memorizzate nel chip. Sono tessere a bassa frequenza (125Khz) le EM-4200 a sola lettura, capacità di memoria di 128 bit.

Sono tessere a bassa frequenza in lettura e scrittura le T5577, capacità di memoria di 330 bit. Le tessere con RFID sono molto utilizzate come tessere per controllo accessi (badge, tesserini, tessere ecc.) e riconoscimento e in generale per tutte quelle situazioni dove occorre velocizzare un passaggio (es. skipass, tessera del tifoso). Sono inoltre utilizzati per l’apertura delle serrature (settore alberghiero), come borsellini elettronici non bancari (es. villaggi vacanze, discoteche, ecc.), nei trasporti (abbonamenti tram / autobus / treni, ecc.), per la bigliettazione elettronica.

Queste tessere memorizzano dati accedendo a distanza, grazie a dispositivi elettronici presenti all’interno della card: tag o trasponder. Il tag è composto da un chip e da un’antenna; il chip è la memoria che contiene un codice unico, il quale viene trasmesso tramite l’antenna all’apparto del lettore, che controllerà i dati ricevuti in tempi estremamente ridotti. Il tag della card può essere attivo o passivo a seconda che siano alimentati da una batteria interna, possono poi esserci tag ad alta e bassa frequenza, UHF, ecc.